Creatori: sfruttando i nuovi canali di editoria e marketing dei contenuti per offrire a grandi scrittori e artisti una piattaforma mondiale

TL; DR: Alcune cose cambiano e alcune rimangono le stesse. I creatori hanno iniziato nel mondo pre-internet della diffusione di giornali, portando il lavoro di alcuni dei migliori scrittori e artisti del settore a migliaia di pubblicazioni in tutto il mondo. Il fondatore Rick Newcombe e il suo team si sono dedicati a rappresentare voci convincenti e controverse che ispirano il discorso pubblico e fanno avanzare la società. Più tardi, quando il mercato dei contenuti ha iniziato a cambiare e il business dei giornali ha iniziato a svanire, i Creatori si sono ispirati agli scrittori e agli artisti che hanno sindacato e hanno creato nuovi modi per produrre e distribuire contenuti con un punto di vista distinto. Oggi l’azienda non è solo un sindacato, ma un innovativo editore di libri rivolti al consumatore, sfruttando le opportunità offerte dalle nuove tecnologie per dare a nuovi autori e creativi l’accesso al pubblico di cui hanno bisogno.


Da quando Rick Newcombe ha fondato Creators nel 1987, lui e il suo team hanno lavorato con alcuni dei migliori scrittori e artisti nel settore dei contenuti. La missione dell’azienda è “trovare voci diverse, avvincenti, non comuni e condividerle con il mondo”.

Questa dedizione per aiutare i talenti a raggiungere un pubblico ha anche aiutato il team dei creatori ad adattarsi e prosperare. Mentre Internet e l’editoria digitale hanno ampliato la portata del pubblico e il tradizionale business dei quotidiani ha lottato, i Creatori sono rimasti forti sfruttando lo spirito creativo incarnato nelle sue tradizioni, osservando attentamente come il mercato delle idee è cambiato e innovando senza paura.

Quel perno è stato innescato da Jack Newcombe che si è unito a Creators nel 2009. Dopo essere diventato presidente e COO dell’azienda nel 2011, Creators ha aperto nuove strade per la produzione e la distribuzione di contenuti, preservando l’apprezzamento per il lavoro creativo che l’ha alimentato sin dal suo inizio..

Foto di Rick Newcombe e Jack Newcombe

Rick Newcombe, a sinistra, ha fondato Creators nel 1987, mentre Jack Newcombe si è unito nel 2009 ed è ora presidente e COO.

“Siamo sempre alla ricerca di nuovi modi di fare le cose per assicurarci di poter continuare ad andare avanti nel mondo dei media”, ha dichiarato il direttore editoriale dei creatori Simone Slykhous. “È nostra responsabilità tenere il passo con le tendenze mantenendo al contempo un legame con il nostro retaggio.”

Dove un tempo viveva nel mondo della sola stampa, Creators ora guadagna quasi tutte le sue nuove vendite nello spazio digitale. E mentre continua a raggiungere un vasto pubblico con alcuni dei migliori talenti sindacati del settore, si è concentrato maggiormente sulla concessione di licenze per i contenuti e si è anche diversificato nella pubblicazione di libri.

Ciò che distingue i Creatori oggi dalla sua versione pre-internet – e dai peer che cambiano lentamente e che sono caduti ai margini – è la sua dedizione alla ricerca di nuovi modi di fare business. Ma i creatori non innovano per motivi di innovazione. Lo fa per preservare lo spirito con cui è stata fondata la società.

Creators Publishing: innovazioni nella produzione e distribuzione di libri

Il team dei creatori ama venire al lavoro. Si riuniscono in uno spazio di Hermosa Beach, in California, che una volta era una chiesa e poi un concessionario di automobili. La società ha investito molte risorse per trasformarla in un paradiso per l’ideazione.

“Siamo una piccola azienda con un’atmosfera familiare”, ha detto Simone. “Ci piace promuovere un ambiente in cui ci sentiamo a nostro agio a espandere la nostra creatività. Avere quella base di fiducia ci consente di andare avanti insieme “.

Uno dei progressi più importanti è stato quello della pubblicazione di libri. La società gestisce sussidiarie di libri dal 2003, in seguito rifocalizzando quella strategia per formare una divisione chiamata Creators Publishing. Da quel turno, Creators ha pubblicato più di 170 compilation e manoscritti originali con tre impronte.

“Siamo sempre alla ricerca di nuovi talenti”, ha detto Simone. “C’è una scrittura davvero eccezionale in così tante centinaia di invii che riceviamo. Ci piace lavorare con persone che hanno un punto di vista: l’apatia in realtà non funziona più nel mondo! “

La maggior parte delle pubblicazioni di Creators – nuovi lavori e raccolte di colonne precedentemente pubblicate – escono principalmente come ebook. La società pubblica versioni elettroniche in più formati, distribuendo attraverso Amazon, Google Play, iBooks e Barnes & Nobile. “Vediamo le tendenze del mercato”, ha detto Simone. “Gli e-book generano sempre più entrate anno dopo anno. In questi giorni, più persone leggono sul proprio iPad che visitare le biblioteche. “

Attraverso gli e-book, le persone di tutto il mondo possono apprezzare le opere che i creatori pubblicano. “Anche quando un libro potrebbe sembrare più propenso alla stampa”, ha detto Simone, “come la narrativa letteraria e cose del genere, costruiamo una versione elettronica in modo che la gente di tutto il mondo possa goderne. Ci concentriamo su questo e sulla garanzia che il nostro software sia perfetto. “

Tuttavia, rimane un mercato ancora significativo per i libri stampati e i Creatori lo riempiono. I creatori usano anche le nuove tecnologie per massimizzare il lavoro di stampa.

“Come piccola azienda, abbiamo scelto una soluzione di stampa su richiesta per offrire copie tangibili ai nostri lettori che li vogliono”, ha detto Simone. La stampa su richiesta utilizza una tecnologia semplificata per produrre libri di alta qualità in tirature molto più ridotte – anche una copia alla volta – di quanto sia fattibile con la stampa offset convenzionale. I creatori, quindi, operano con zero inventario fisico.

Trovare nuove voci distintive mentre tiri fuori dai successi passati

Un altro mezzo in crescita per la consegna di contenuti di libri è l’audiolibro. Creators collabora con Audible.com per distribuire versioni audio di molte delle sue pubblicazioni.

“Usiamo uno studio di podcast nel nostro ufficio per registrare audiolibri”, ha detto Simone. “E abbiamo avuto un grande successo con loro, compresi i nostri libri di Horatio Alger dalla nostra stampa Sumner Books.”

L’associazione Alger illustra un’altra strategia editoriale che i creatori hanno usato: la ripubblicazione. Alger è così famoso e il suo messaggio è così radicato nella coscienza collettiva che oggi può sembrare più una figura mitica che l’autore più venduto dell’Età Dorata che era. Le sue storie ancora avvincenti descrivono i viaggi dagli stracci alla ricchezza dei ragazzi poveri che trovano successo attraverso il duro lavoro e la determinazione.

Schermata della libreria Horatio Alger dei creatori

I creatori hanno trovato successo nel ripubblicare libri di luminari – come Horatio Alger – i cui messaggi risuonano ancora.

“Alger racconta in modo affascinante la storia del sogno americano”, ha detto Simone. “Anni fa, abbiamo riconosciuto che il lavoro era di dominio pubblico. E i bambini di oggi non conoscono abbastanza bene il suo messaggio di “tirarti su dai tuoi stivali” abbastanza bene. C’è stato un gap nel mercato e gli audiolibri Alger hanno avuto molto successo per noi. “

Gli audiolibri aiutano anche i creatori con talenti attuali. Dal 2011 al 2015 l’umorista Alison Rosen è apparsa come giornalista nel podcast di Adam Carolla Show. Nel 2012, ha iniziato il suo famoso podcast, Alison Rosen è il tuo nuovo migliore amico.

Ha anche sindacato una colonna con i Creatori e ora la società sta rilasciando una raccolta dei suoi scritti intitolata Tropical Attire Encouraged (e altre frasi che mi spaventano).

“Lo spirito innovativo di Alison e la sua capacità di vedere le tendenze che trovano nuovi modi di commercializzare il suo lavoro sono fonte di ispirazione per noi”, ha detto Simone. “E ha un modo così divertente e riconoscibile di guardare il mondo. Quando la leggi, pensi: “Oh, sì, quanto spesso dovrei lavare i miei jeans?” “

Come i marchi lavorano con i creatori per utilizzare al meglio il contenuto sindacato

I creatori rimangono attivi anche dal punto di vista della sindacazione e delle licenze. “Il panorama dei media è in continua evoluzione e la nostra grande forza vendita è sempre alla ricerca di nuove opportunità”, ha affermato Simone.

Foto del direttore editoriale Simone Slykhous

Il direttore editoriale dei creatori Simone Slykhous ha parlato con noi dell’impatto dell’azienda su scrittori e artisti.

Ad esempio, le società di media aziendali possono collaborare con i creatori per garantire che i contenuti legacy continuino a trovare un pubblico di generazione in generazione.

“L’editoria digitale è scalabile all’infinito”, ha detto Simone, “quindi c’è un incentivo per i marchi mediatici a posizionare i contenuti dei loro cataloghi posteriori in nuovi luoghi”. I creatori sono anche disposti a proporre nuovi modi per posizionare i contenuti, come trovare un posto per un oroscopo popolare su un canale offerto da un fornitore di televisione digitale.

Il team ha anche collegato alcuni dei suoi artisti di fumetti e fumettisti editoriali a società di biglietti di auguri e immagini in licenza dall’invecchiamento fumetto di Andy Capp al marchio di snack Hot Fries.

“Costruiamo ottime relazioni attraverso la licenza del marchio”, ha detto Simone. “Siamo qui per coltivare e contribuire a diffondere il lavoro che i nostri scrittori e artisti producono per il maggior numero di persone possibile”.

Spostare la pubblicazione in avanti concentrandosi su ciò che funziona

Horatio Alger e Creators condividono una trama comune, che rende il successo dell’azienda nel ripubblicare la serie molto più appropriato. Proprio come Alger ha scritto storie di poveri ragazzi che miglioravano la loro posizione nella vita attraverso la persistenza e la fatica, ci sono voluti un duro lavoro e determinazione per i creatori per rimanere rilevanti mentre il mondo dei giornali cambiava.

I creatori rimangono una delle più grandi società di sindacati del mondo, portando ogni giorno centinaia di editorialisti e vignettisti su giornali e pubblicazioni digitali.

Dal punto di vista editoriale, la società sta costruendo un percorso per far entrare nuove voci e quelle dimenticate in un mercato competitivo, ha affermato Simone. “Siamo specializzati un po ‘. Comprendiamo la spinta e la passione che sono alla base di ciascuna delle proposte che prendiamo in considerazione, e vogliamo davvero assicurarci che gli sforzi che facciamo produrranno risultati. ”

“Si tratta di praticità”, ha detto. “Vogliamo trovare le migliori case possibili per l’importante lavoro creativo che fa parte del nostro retaggio comune e per il nuovo lavoro che contribuirà a plasmare la nostra società negli anni a venire.”

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map